«Salvate mia madre», donna di 350 chili arriva in clinica